Hello world!

ottobre 23, 2009

Welcome to WordPress.com. This is your first post. Edit or delete it and start blogging!

Poste Italiane sotto attacco!

ottobre 10, 2009



Ecco come si presenta la ricerca di google in data 10 ottobre 2009 eseguendo una normale ricerca con le keyword “poste italiane”. L’ennesimo attacco informatico all’azienda di Poste.it. Speriamo l’ennesimo scherzo da parte di qualche hacker. Ci saranno problemi con la sicurezza dei clienti? Probabilmente PosteItaliane non si è accorto di essere sotto attacco e il fatto che sia stato addiritura modificato il titolo della pagina indica un accesso ai file html della pagina. Questo tipo di accesso era a disposizione degli hacker gia da tempo? E se si da quanto? Aspettiamo di sapere le ripercussioni che questo attacco avrà sui clienti dell’azienda.

AGGIORNAMENTO 10-10-09

Dalle ultime voci diffuse dalla polizia postale sembra che l’attacco sia partito “verso le ore 19″. I dati non sarebbero stati toccati, ma sarebbe stato solo un gesto per dimostrare la scarsa sicurezza del portale (come avvertiva un messaggio popup all’ingresso nella pagina lasciato dagli stessi hacker). L’attacco sarebbe quindi durato, grazie al pronto intervento della polizia postale, “solo” mezz’ora… Considerando una connessione di 100kb/s in download degli hacker (che essendo due – come recita la firma da loro lasciata- potrebbe raddoppiare), sono circa 120 mega di materiale che potrebbero essere stati scaricati dal portale in tutta tranquillità, sicuramente una bella fetta di archivio.

Howto: Wiki-Lyrics con Amarok 1.4 GNOME

febbraio 2, 2009

Sarà capitato anche a voi di voler espandere le conoscenze liriche del vostro Amarok. Cercando tra gli scrypt mi sono imbattuto in Wiki-Lyrics, che avevo sperimentato positivamente in passato ma che mi era palesemente passato di mente. volendolo reinstallare sulla 8.10 ho avuto a che fare con un piccolo problema, ovvero la mancanza di alcune libreri(presumo) che non ne permettevano l’esecuzione, bloccando lo scrypt e facendo comparire degli odiosi menu a tendina temporizzata (infami) che non permettevano nemmeno di googlare il problema. Citando le tendine, si annunciava la mancanza di alcuni pacchetti tipo TkRuby, RubyGTK e QtRuby. Niente di più risolvibile:

Dando da terminale i seguenti comandi si installa ciò di cui ha bisogno amarok per far partire lo scrypt.

sudo apt-get install ruby1.8 libqt0-ruby1.8
sudo apt-get install ruby1.8 libgtk2-ruby1.8
sudo apt-get install ruby1.8 libtcltk-ruby1.8

Una volta installati questi pacchetti possiamo andare nel gestore di scrypt e attivare tra gli scrypt dei Testi (Lyrics) Wiki-Lyrics, ricordandoci di disattivare il precedente scrypt attivato.

HowTo: Liste server sicuri aMule/eMule

febbraio 2, 2009

Non sono un accanito utilizzatore di emule/amule ma ho avuto bisogno di utilizzarlo e mi sono reso conto che ultimamente si sono proliferati una serie infinita di server spia e fake. Cercando ancora una lista di server considerata sicura mi sono imbattuto in N alla n siti che riproponevano sempre la solita soluzione, che, per me che ho Ubuntu (e contentissimo di averlo) e quindi aMule, si sono rivelatialquanto inutili a causa di un mancato collegamento con firefox (sembra non riesca ad aprire i link ed2k).

Ripropongo quindi la soluzione che c’è su questo sito, con una modifica: invece di cliccare sul sito ed2k guardate poco più in basso e vedrete un link non ufficiale. O fate copia indirizzo cliccandoci sopra con il tasto destro, oppure copiate e incollate questo http://ocbmaurice.no-ip.org/index.html in amule, tabella reti, tabella ed2k, nella barra dove inserire il link, quindi premete il tasto più a sinistra della barra.

Have fun.

E poi?

maggio 6, 2008

Il mondo gira, noi seguiamo un percorso, studiamo, ci impegnamo, cerhiamo di tenerci lontano dai guai. Il mondo gira e noi siamo spettatori passivi di ciò che ci accade intorno. Tanti piccoli individui, grandi nel loro io, infinitesimamente unici in ogni particolare. Scopriamo i nostri coetanei, impariamo da loro. Creiamo dei legami, che tipo? Non lo so. Non c’è una scala per quantificare, non c’è un elemento chimico che possa definirli come non c’è modo di scoprire se esistano davvero e quanto essi siano forti. Ci piace credere che tutto sarà sempre li come lo abbiamo lasciato, o che le cose vadano avanti, ma che niente sia irrecuperabile. Alla fine qualcosa arriva per ricordarci che non è così e che tanto, prima o poi, tocca a tutti. E allora ripensiamo, ci facciamo del male, perchè ricordiamo i legami che c’erano, e che ora non ci possono essere più. Domande su domande affiorano piano piano, un esplosione, un tonfo, è l’anima che si sveglia dal suo stato di animale dormiente, si sconvolge e si rimprovera, che poi di cosa abbia ragione di rimproverarsi non si sa, alla fine non ve n’è motivo. Proviamo a giustificarci e più lo facciamo e più ci rendiamo conto che ci stiamo giustificando per qualcosa di cui non abbiamo colpa. Entropia intima. E poi? Poi tutto ricomincia, l’anima si riassopisce, ben cosciente che qualcosa verrà a disturbarla, prima o poi, un’altra volta. Allora che si fa? Allora conviene guardare avanti, perchè chi si guarda indietro è perduto. Conviene diventare consapevoli del fatto che niente è immutabile e che noi non possiamo farci niente. Prendiamo ciò di positivo che la vita ci offre e lasciamo il resto alla memoria, come è giusto che sia. Conviene concentrarsi sul passato? Niente sarà più come prima, è vero. A volte è meglio, a volte preferiremmo rimanere dove eravamo. La strada però è a senso unico e oblligato. Verso il futuro e con passo costante e inesorabile, sia che esso sia positivo, sia che ci squarci l’io più profondo. E allora godiamocela finchè si può, senza paura dei fantasmi del passato. Andiamo avanti e guardiamoci intorno. Il sole splende, sempre e comunque, anche se dietro le nuvole più nere.

“Che tu possa avere sempre il vento in poppa..
Che il sole ti risplenda in viso…
E che il vento del destino ti porti in alto
a danzare con le stelle…”

Tratto dal Film “Blow”

Iscriversi al corso del Prof. Formiconi

aprile 22, 2008

A seguito di numerose richieste da parte dei miei compagni di corso sul come dove e quando ci si possa iscrivere al corso di informatica del prof Andreas Formiconi (università di Firenze, Facoltà di Medicina e Chirurgia), ho deciso di girare un tutorial, o in gergo “How-to”. Si accettano consigli e suggerimenti.

Mi raccomando si accettano anche apprezzamenti!

Sistemi Operativi

aprile 2, 2008

Argomento scottante, profondo, necessario.

Cominciamo col dire cosa è un sistema operativo. Sostanzialmente è l’interfaccia (grafica di solito) che permette all’utente di interagire con la macchina, senza dover usare il linguaggio macchina.

20 novembre 1985, nasce windows 1.0, l’antenato del moderno vista. Capace di utilizzare un modello in multitasking (utilizzare più eseguibili contemporaneamente), dalla grafica spartana e funzionalità ridotta. Riuscì a catturare una notevole fetta di mercato grazie allo sviluppo dedicato a questa piattaforma di un programma: Aldus PageMaker, riuscendo quindi a mettere da parte concorrenti minori come IBM ( con il ben noto Os/2 del 1984) e Commodore. La grande fortuna che ebbe fu grazie allo sviluppo di programmi di utilizzo comune su questa piattaforma. La legge che infatti regola la crescita o meno di un software è l’utilità e la familiarità che esso riesce ad ottenere con gli utenti. Microsoft aveva sbancato, era riuscita a progredire dal vecchio MS-Dos in un SO a multitasking e contemporaneamente fornire agli sviluppatori un sistema “stabile”, gradevole all’apparenza e utile.

Era il 1991 quando nasceva grazie a Linus Torvalds, studente finlandese, il kernel Unix da lui progettato. Progetto sviluppato con licenza GPL, quindi utilizzabile e modificabile da tutti, fece di questa caratteristica la sua forza. Grazie infatti alla cooperazione di migliaia di persone in tutto il mondo questo sistema operativo, che ha visto proliferare una moltitudine di distribuzioni, è riuscito a portarsi a livelli funzionali (per alcuni) superiori al progetto Microsoft. Per ulteriori approfondimenti rimando caldamente alla pagina su Wikipedia. (In attesa di pubblicare su youtube il video del mio desktop, posto versione pre-release, quindi ancora in fase di sviluppo)

Mac Os nasce nel 1984 come parte integrante di macchine Macintosh. Era il primo sistema operativo con interfaccia grafica, sviluppato appositamente per un certo tipo di macchine. Ha subito una costante evoluzione, a volte segnata anche da radicali cambiamenti, come nel 2005, anno in cui venne estesa l’architettura Mac anche a processori Intel. L’ultima versione di Mac Os si chiama Mac Os X (pronunciato Mac Os Ten) che segna uno stacco definitivo con il passato mantenendo, cosa fondamentale nonchè pecca decisiva di Windows Vista, la piena , o quasi, retrocompatibilità. Per approfondimenti rimando alla pagina di Wikipedia.

Panoramica generica dei sistemi operativi più diffusi. Sicuramente avrà creato più confusione che altro. Comunque sia non mi dilungo in approfondimenti e lascio a voi la parola…

Save Rock Fm

aprile 2, 2008

QUOTO DIRETTAMENTE DA ALTRO BLOG:

http://fedmares.wordpress.com/2008/03/26/save-rockfm/

Save ROCKFM


So che molti di voi non hanno la possibilità di ascoltare Rock Fm, forse l’unica radio a livello (quasi) nazionale che trasmette solo ed esclusivamente vero rock, con dj preparati e simpatici […] per chi ha avuto la fortuna di ascoltarli rappresentano molto di più dei professionisti che si sono dimostrati in questi anni: sono dei veri e propri amici, capaci di entrare nei cuori della gente in un modo in cui molti dj dei principali network nazionali non riescono a fare, per via della totale libertà con cui hanno sempre gestito la scelta della musica e il loro rapporto col pubblico.Bene, […] la direzione di Monradio […] ha deciso di chiudere definitivamente Rock Fm per ridestinare le sue frequenze a Radio 101, emittente principale del gruppo.
La mossa, oltre ad essere economicamente sbagliata (perché gli aspettatori di Rock Fm sicuramente non passeranno a Radio 101, ma probabilmente si affideranno a qualche web radio o ai loro cd) segnerebbe la fine di un progetto […] durato 18 anni, durante i quali questa radio, oltre ad essere sinonimo di ottima musica e divertimento, era diventata anche un mezzo per trasmettere cultura, in un panorama radiofonico dominato dalle hit del momento, dove le emittenti sembrano tutte uguali e dove la buona musica, del presente e del passato, troppo spesso soccombe a tutte le leggi di mercato.

Rock Fm ha bisogno di tutta la nostra forza per continuare a farci sognare, riflettere, ridere e commuovere. Probabilmente c’è ben poco da fare, ma noi ci proviamo lo stesso.”

Se volete aiutarci perdete due minuti per registrarvi sul forum di Radio101 e appoggiare la nostra causa QUI o in alternativa mandate una mail con oggetto SALVATE ROCK FM a:
infor101@r101.it

LINKS
Appello originale
Sito Ufficiale Radio RockFm
Il Forum degli ascoltatori di Radio RockFm

FATE SENTIRE LA VOSTRA VOCE A RADIO 101!!!! TORMENTATELI!!!


per Firmare la petizione: http://www.petitiononline.com/svrockfm/petition.html


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.